Mad Sweeney, tutto per una moneta (pt 1, SE 1)

American Gods – Mad Sweeney (1)


Nonostante l’aspetto possa trarre in inganno, come abbiamo imparato ad aspettarci da American Gods, Mad Sweeney non è un umano. Egli infatti è un leprecauno. Se non avete alba di cosa sia, vi basti sapere che è un folletto irlandese. Cosa aspettarsi dunque da un folletto? Di certo non una valanga di mazzate come quelle che rifila e che gli vengono rifilate da Shadow Moon. Questi stava pranzando con il misterioso Wednesday, che Sweeney pare conoscere. Non abbiamo altri elementi per conoscerlo meglio, diamo tempo al tempo.

Una caratteristica balza subito all’occhio: non è molto sveglio. Quando la sfortuna si abbatte su di lui capisce di averla fatta grossa. Mentre mostrava a Shadow il suo trucco delle monete, gli ha lasciato quella fortunata. La rivuole, la pretende. Torna da lui solo per scoprire che non ce l’ha più, l’ha lasciata ad Eagle Point. Dovrebbe essere sulla tomba della defunta moglie del bodyguard, che puntualmente non è presente. Questa volta la sfortuna non c’entra: Laura è tornata in vita.

Non sarà un problema riprendersela, crede, dopotutto lei è uno zombie. Risultato? Non appena la raggiunge viene pestato – due volte. Mica male. È consapevole che è solo questione di tempo, prima o poi lei si decomporrà e quindi la moneta tornerà sua. Nel frattempo però viene arrestato. Laura si spaccia per un cadavere – che alla fine è quello che è – convincendo la polizia. Riesce a fuggire e la ritrova: le parole del leprecauno l’hanno spinta a voler tornare in vita diversamente. Sweeny sa come fare, quindi partono insieme alla volta della dea dell’alba.

Un incidente che fa sputare la moneta a Laura è l’occasione per Sweeny di ricordare il passato. Aiutò una ragazza, secoli prima, ora non può essere da meno. Inoltre si rende conto che proprio lui ha causato lo schianto mortale per la sigonra Moon, su ordine di Wednesday. Pentitosi, la resuscita con la fatidica moneta.

Un po’ più legati, arrivano da Ostara. C’è anche Shadow, quindi i due sposi possono ulteriormente chiarirsi. Bene, e l’idea di Sweeny per Lora? La dea gli deve un favore, quindi anche se controvoglia deve concedersi alla richiesta. Un ulteriore intoppo si pone di traverso: lei è stata uccisa da un dio, quindi non può essere resuscitata. Il leprecauno confessa ciò che prima aveva riesumato, puntando il dito sul vero colpevole. Wednesday aveva architettato tutto, per quale scopo?

Potrebbero interessarti anche ...

Perché non lasci il tuo voto?
Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *