James McGill, senza scrupoli (pt 2, SE 2)

James McGill, Better Call SaulBetter Call Saul – James McGill (2)


La stagione riprende con un James molto deluso, sia da Chuck che da Kim. L’occasione per sistemarsi è data dalla Davis&Main’s, studio legale abbastanza famoso. Jimmy però non ci sta, inizialmente annuncia addirittura il ritiro dall’avvocatura, ma Kim in qualche modo gli fa cambiare idea. Nuovo lavoro nuova vita? No, per nulla. L’obiettivo rimane sempre lo stesso: proteggere gli anziani.

A conferma, i comportamenti di James rasentano sempre i limiti, in questo caso dell’illegalità. Per aiutare Mike fabbrica delle prove false; per raccattare clienti manda in onda un video senza il consenso dei superiori. Jimmy però se la cava in qualsiasi situazione, in questo caso, con la classica ramanzina. Kim invece viene accusata di complicità e declassata. Possibile ripercussione contro James da parte del fratello? L’ipotesi è abbastanza concreta. James si muove subito in protezione dell’amica, assicurando persino Chuck che lascerà il lavoro se Kim sarà riabilitata. Nulla da fare.

James McGill, Better Call Saul season 2 BCS

Allo studio poi gli viene affiancata una segretaria, con l’implicito compito di controllarlo. L’idea di abbandonare nuovamente tutto è sempre più pressante nella testa di Jimmy, che però deve farsi licenziare per ottenere i bonus. Il piano di riserva? È già scritto: aprire uno studio con Kim. La ragazza apprezza l’idea, specie ora che è confinata nelle retrovie della HHM. Ad una condizione: James deve rigare dritto.

Non proprio il migliore dei compromessi, ma alla fine la soluzione giunge con due studi distinti nella stessa sede. James continua sulla via della pubblicità, mettendosi istantaneamente nei guai. Ovviamente rassicura subito Kim, che però si trova in un momento difficile. La banca della Mesa Verde, cliente che lei aveva portato alla HHM, viene sedotta da Chuck a rimanere nonostante Kim non sia più lì.

Subentra James, che falsifica delle carte mentre il fratello dorme. Il piano è far credere a Chuck di essere ormai troppo vecchio, ma in ogni caso l’errore farà perdere tempo e sposterà la banca verso Kim. Lei ne è consapevole ma mantiene il silenzio, Chuck quindi è costretto ad indagare per avere delle prove. Durante queste ultime, preso da un malore, cade sbattendo la testa. Passato il panico, al risveglio annuncia di volersi ritirare; aiutato anche dai sensi di colpa di Jimmy, riesce a farlo confessare. Tutto nella norma, se non fosse per il fatto che Chuck ha registrato tutto. È stata l’ultima bravata di James o riuscirà ad uscire anche da questa storia?

Potrebbero interessarti anche ...

Perché non lasci il tuo voto?
Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *