Bojack Horseman, legami famigliari (pt 4, SE 4)

Bojack Horseman

BoJack Horseman – Bojack Horseman (4)

Ormai ci siamo abituati, quando Bojack ha un problema e non lo vuole affrontare, se ne va. Il fatto è che ne ha parecchi. L’ultima fuga lo ha portato nella vecchia casa vacanze dei suoi, lontano, dove nemmeno le chiamate di Diane lo distraggono. Conosce Eddie, una libellula, che nel bene o nel male lo fa ritornare a LA. Chi c’è ad accoglierlo? Nessuno. Oltre a Todd, l’unica presenza è Hollyhock, presentata come cameriera ma le cui intenzione vengono ben presto rivelate. Sostiene di essere la figlia di Bojack, in cerca della madre. Negli anni Horseman si è dato da fare, prima o poi doveva capitare.

Bojack si offre di aiutarla, in fin dei conti è sua figlia anche se è proprio questo che lo turba. Il suo motto è ripetersi di essere un pezzo di merda, quale futuro avrebbe lei insieme a lui? Non può permetterlo. Tuttavia l’intenzione di migliorare c’è, con tanto di fatti. Nonostante i precedenti, il cavallo accoglie sua madre – quella stronza, sì – dopo che viene cacciata dalla casa di cura. È affetta da demenza, non si ricorda di lui: possono convivere.

Come facilmente intuibile, l’equilibrio dura poco. Le attenzioni che Beatrice rivolge ad una bambola fanno impazzire Bojack, che passa le giornate nei bar. Ha sotto lo stesso tetto la madre – vicina a lasciare questo pianeta – e la figlia, perché comportarsi così? La stessa Hollyhock glielo rimprovera, dovrebbe passare del tempo con loro finché può. Deve chiedere aiuto, passando da Mr. Peanutbutter fino a Diane. Dopo più di un anno, si confrontano sull’ennesimo periodo infelice e molte altre storie. La felicità è roba per altri.

La ricerca della madre della ragazza continua, fino a quando lei finisce in ospedale. Overdose, dicono. Gli otto padri adottivi di Hollyhock arrivano a recuperarla e non vogliono saperne di Bojack. Non ci vuole molto affinché Horseman senta la sua mancanza, fino a non avere più forze di reagire. Né quando scopre essere colpa di sua madre, né quando Princess Carolyn gli comunica che avrà una parte.

Con un ultimo sforzo Bojack riesce nell’intento che ha portato Hollyhock a LA. Un’intuizione lo conduce alla soluzione, in poche parole suo padre si sbatteva la cameriera. Consegna il numero ai padri di lei, che poi richiama per ringraziare il cavallo. Non aveva bisogno di un altro padre, soprattutto se questo è Bojack Horseman. Un fratello, però, fa sempre bene. E dopo tanto, questo personaggio ha ritrovato un po’ di serenità.

Potrebbero interessarti anche ...

Perché non lasci il tuo voto?

Lascia un commento