Princess Carolyn, meglio soli (pt 2, SE 2)

BoJack Horseman, Princess Carolyn featured header

Bojack Horseman – Princess Carolyn (2)


Il saliscendi della scorsa stagione è servito ad inquadrare il personaggio, prima di un periodo di quiete. Princess Carolyn si muove sempre su due vie parallele, quella del lavoro e quella della vita sentimentale. Il comandamento costante è non mischiare le due cose – chi lo vorrebbe? – ma quando hai tra i piedi Bojack non puoi concederti pause. Lei mette le mani avanti: gli chiede di non rovinare tutto.

Una prima crepa arriva dalla Vigor, stavolta non per colpa sua. Aveva in pugno un ruolo per un suo attore, con annessi complimenti di Rutabaga – collega del piano inferiore. Proprio Rutabaga però soffia quel posto inserendo un suo cliente: che beffa. Il funerale di Herb diventa quasi una distrazione ma è il preludio al peggio. Almeno per lei, non certo per noi. Finisce infatti la storia con Vincent Uomoadulto, “l’amore” che Princess Carolyn provava per lui l’aveva resa parecchio ceca.

Le sue vite feline le permettono di rialzarsi. Recluta nientemeno che J.D. Salinger, da affiancare all’altro neo-assunto Mr. Peanutbutter. Vi attendevate una standing ovation per l’agente più pink di L.A.? Invece no. Sembra che a nessuno importi di lei e del suo operato. A nessuno tranne Rutabaga. Eh sì, seppur sul baratro tra l’odio e l’apprezzamento, è colui che più supporta Princess Carolyn in questo momento. L’avvicinamento lo porta a proporle di mollare tutto e fondare un’agenzia insieme. Padroni di se stessi: l’ambizione di chiunque.

Un momento di indecisione, per Princess Carolyn, perché non riesce ad avere una vita tranquilla? La conclusione, arrivata nel momento peggiore, è che se l’avesse voluta, l’avrebbe ottenuta. È l’input che serviva. Torna da Rutabaga e addirittura lo bacia. Inizia così la relazione romantico-professionale tra i due.

Il primo cliente di spicco è Mr. Penautbutter, che non ha problemi a trasferirsi di agenzia. Quando tutto sembra andare per il meglio, torna Bojack con le sue problematiche. O meglio, questa volta sparisce. Per due mesi. Nel bel mezzo delle riprese. Ormai consapevole della sua vita incasinata, cede all’impulso di aiutare le persone che le fa assumere Diane come social manager.

La ciliegina sulla torta arriva quando deve scegliere l’ufficio per l’agenzia. Nel mentre scopre che Rutabaga sta cercando di sistemare le cose con sua moglie, nonostante inizialmente sostenga il contrario. Princess Carolyn non ci sta, è una palese presa in giro. Il tentativo di Rutabaga di far leva sulle poche possibilità rimaste alla gatta di “sistemarsi” fanno solo peggiorare il tutto. Ancor prima di iniziare, il pessimo agente viene licenziato. L’agenzia è solo a nome di Princess Carolyn, quindi è tutto lecito. Tardi, è arrivata la certezza di non avere paura a rimanere sola.

 

 

Potrebbero interessarti anche ...

Perché non lasci il tuo voto?

Lascia un commento