Reggie, sfortunato partecipante (pt 1, SE 1)

Condividi su:

reggie green dear white peopleDear White People – Reggie Green (1)


Quello che intuiamo di Reggie non è molto, almeno per ora. Possiamo dire che è un bel ragazzo, alto, eccetera. Ma poco ci interessa. Qualcosa di più ce lo dice l’approccio con Sam, verso la quale prova palesemente qualcosa. Purtroppo lei non sembra ricambiare, infatti ha una pseudo-relazione con Gabe, il che stona un po’. Per quale motivo? Beh, vediamolo.

Reggie, Sam e altre persone di colore fanno parte dell’Unione studentesca nera che, con altri gruppi, formano il Black Caucus. Insieme lottano e protestano contro le discriminazioni razziali nel campus, ma spesso e volentieri vengono ignorati dai piani alti. Di conseguenza, vedere Sam insieme ad un ragazzo bianco fa storcere il naso un po’ a tutti. Principalmente a Reggie, che al primo incontro non evita di farle capire il proprio astio.

Piccolo diverbio a parte, lui è tra i più attivi nella protesta, forse anche troppo. Così tanto che i suoi amici lo costringono ad una pausa, portandolo un po’ in giro. Pausa che si rivela essere la scintilla di un candelotto bello grosso. Finiscono infatti ad una festa, organizzata da un amico – bianco – di Reggie. Vabbè, più che amico è un compagno di corso, almeno fino a quella sera. Da una questione di poco conto si scatena l’impensabile, con tanto di arrivo della polizia. La tensione è altissima e di punto in bianco salta fuori anche una pistola, contro Reggie. Ha minacciato l’agente? No, semplicemente non mostrava i documenti. Una motivazione abbastanza flebile per quel gesto. La sensazione è che se il soggetto non fosse stato nero non sarebbe successo nulla. reggie, sam and people

Nell’assurdità generale il ragazzo inizia ad isolarsi, nessuno riesce a contattarlo. Almeno finché Sam, che era presente alla festa, non lo incrocia nei corridoi del campus. Si dirigono ad un evento open-mic, dove Reggie si esibisce spiazzando la ragazza con una poesia carica di significato. Sam la vuole usare come messaggio per la loro causa, sarebbe un’arma vincente. Ma l’unica cosa che interessa a Reggie in quel momento è proprio lei, finendo per confessarle i suoi sentimenti. Sam non riesce a trattenersi dal restare con lui per quella notte.

Caricato da una nuova linfa, ritorna alla protesta, ma una notizia stoppa tutti gli studenti. Viene deciso di istituire un’assemblea comune per discutere del “problema” della festa. Tradotto: l’evento verrà insabbiato e non uscirà una parola dal campus. Non si vedono provvedimenti all’orizzonte ma, soprattutto, la voce dell’Unione studentesca nera è destinata ad un eco nel vuoto.

Piaciuto questo articolo?
Condividi su:
Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *