Jon Snow, rivincita del bastardo (pt 6, SE 6)

Jon Snow, Game Of Thrones (Il Trono di Spade)Game Of Thrones – Jon Snow (6)


Jon Snow è stato ucciso. D’accordo, è stato un colpo di scena confezionato a regola d’arte, ma potevamo aspettarcelo. Il cadavere viene vegliato notte e giorno dagli ultimi fedeli, che oltre al danno ricevono la beffa. Ser Alliser ha preso il comando nella confusione generale e dà loro un ultimatum. Hai guidato un colpo di stato contro il tuo comandante, perché non lasciare il tempo di piangerlo? Perché anche dall’aldilà Snow crea problemi. Edd Tollett supera la barriera e ritorna in compagnia di Tormund che arresta i traditori. In più, Ser Davos ha una visione del bastardo vincitore e chiede a Melisandre di fare il miracolo. Succede ancora, altro colpo di scena: Jon Snow risuscita dai morti. Lui stesso è incredulo.

Il prosieguo è già scritto. I prigionieri vengono impiccati e messi al rogo, riequilibrando la giustizia al Castello Nero. Dopodichè Jon Snow rassegna le dimissioni da Lord Comandante, ma non per riprendersi Grande Inverno. Servono l’arrivo di Sansa e le minacce dei Bolton per fargli cambiare idea: fanno i bagagli e via. La discreta esperienza e il buonsenso portano Jon a cercare degli alleati che lo dovranno seguire. Non è uno Stark: molti storcono il naso e rifiutano la proposta. Anche Sansa si muove in questa direzione, mandando Brienne fino a Delta delle Acque per convincere suo prozio Brynden ad unirsi alla causa. L’ennesimo rifiuto non deprime Snow, che deve agire con gli uomini che ha. Lyanna Mormont riesce a racimolare un piccolo esercito, addendo insieme ai Bruti di Tormund.

L’ultima carta Jon se la gioca direttamente con Ramsay: un duello tra loro due. Ovviamente il Bolton rifiuta, dunque lo scontro tra i bastardi può avere inizio. Se pensavamo che l’attuale reggente a Grande Inverno potesse essere arrivato all’apice della crudeltà, ci sbagliavamo. Usa Rickon come esca e lo uccide, per far uscire Snow allo scoperto e accerchiarlo. Furbizia contro ingenuità, ecco il riassunto della battaglia. Siamo giunti alla fine del controllo Stark sul Nord? No, perché proprio una Stark, Sansa, ribalta la situazione. Allontanandosi il giorno prima è andata a chiedere aiuto a Baelish – è un caso estremo, non biasimatela – che salva letteralmente il culo al fratellastro della sua amata.

I Bolton si chiudono dietro le mura, ma l’assedio dura poco. Jon lascia il piacere a Sansa di mandare all’altro mondo Ramsay, in pasto ai suoi stessi cani. Dopo aver reso pan per focaccia, condanna anche Melisandre all’esilio: l’uccisione della principessa Shireen non resterà impunita. Il destino si compie: nonostante lo scetticismo Jon Snow viene proclamato Re del Nord, perché in fondo, nelle sue vene, scorre sangue Stark.

Potrebbero interessarti anche ...

Perché non lasci il tuo voto?
Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *