The Guy, un pesce piccolo (pt 1, SE 1)

Condividi su:

The Guy, High Maintenance (2016)High Maintenance – The Guy (1)


The Guy è il nostro spacciatore a domicilio e protagonista di High Maintenance. Di lui sappiamo poco – nemmeno il nome – e spesso è solamente di passaggio, tuttavia riusciamo a comprendere i suoi metodi. Gira in bici, le persone lo chiamano, lui porta l’erba; più o meno è così che funziona. È una frase che avete già sentito? Beh, se avete concluso la prima stagione certamente sì.

Fornite nome, numero e indirizzo e il corriere si presenterà a casa vostra. Agile per le strade di New York, si adopera per evitare il traffico e quindi nulla è meglio di una bici, sempre per stare in tema green. Non sappiamo chi sia il suo fornitore, ma questa è solo una fra le cose che non conosciamo.
Come si definisce lui stesso, è solamente un pesce piccolo: spaccia erba, noccioline e al più qualche funghetto. Ora è quello che è, ma sappiamo che una volta vendeva E, la tanto amata eroina. Troppo rischioso? Forse, ma anche questa è un’incognita.

Ha una clientela rispettabile, visto che sono tutti comuni e buoni cittadini, ma lui non ci fa caso. Gli interessano i soldi, per quanti possa farne, e non vuole problemi. Non perde però – quasi – mai l’occasione per una canna con i clienti, tanto che alcuni sembrano essere veramente suoi amici. Si chiama fidelizzazione, giusto?

The Guy with clientsThe Guy sembra un po’ andato, ma in realtà è un tipo sveglio: ci mette poco ad accorgersi delle persone che non vanno. Come per quella “giornalista”: sa che uno spacciatore deve restare anonimo, e non può tollerare foto di nascosto.

Riusciamo solo ad intravedere il lato nascosto dello spacciatore. Quando le cose non vanno bene per un errore suo, quando non segue la routine e viene derubato da un falso contatto.

La sua ex moglie è lesbica e sua vicina di casa. Pensavamo fosse la donna riccia (anche voi, vero?), invece è Jules, che però non riusciamo a vedere. In quest’occasione esce anche la parte sensibile del protagonista. Cosa c’è di peggio che leggere un messaggio nel quale la persona con cui sta parlando si lamenta di te? Più che sensibile è una persona giusta. Sta dando fastidio, se ne va.

Una sorta di monologo dà il via alla chiusura di una stagione colma di tranquillità; the Guy è un personaggio che muta radicalmente, tutto d’un fiato, nell’ultimo episodio. La sua vita è un disastro? È solo una serata andata male. Vedremo cosa ci proporranno nella seconda stagione.

Perché non lasci il tuo voto?
Condividi su:
Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *