Denver, perdite e guadagni (pt 2, SE 2)

Denver, Ricardo Ramos, La Casa de Papel Netflix

La Casa De Papel – Ricardo Ramos (2)


La sensazione che abbiamo avuto tutti, è stata scongiurata. Il Professore aveva previsto anche questo, però dentro alla zecca non giungono notizie da lui, e gli animi sono tesi. Siamo all’80esima ora di rapina. Volano anche accuse più o meno gratuite, che coinvolgono anche Denver. La sua relazione con Monica viene alla luce, con stupore di Mosca, ma soprattutto viene declassata. Eh sì, i simpatici compagni di viaggio pensano che la ragazza abbia la sindrome di Stoccolma. Non dovrebbe essere più compatto che mai il gruppo? Specie in questo momento delicato. Invece è molto meglio seminare zizzania.

Il braccio di ferro tra Berlino e Tokyo porta Denver a parteggiare per quest’ultima, fino al rapimento di Andrés. Lo prendono in ostaggio, dopo che ha paventato il misterioso piano Chernobyl. Denver in questa fase è un po’ in disparte, assorto nei suoi pensieri. Ragiona su questa sindrome: Monica ne è affetta o il presunto sentimento che c’è tra loro è autentico? Pensieroso e arrabbiato, questo è il mood.

Torna protagonista, suo malgrado, quando Monica riesce a sfilargli la pistola. Eh sì, avete visto bene. Arturo è riuscito a riportarla dalla sua parte, anche se si rivela subito un bluff. Oppure ha avuto un ripensamento. Perché, nel momento del bisogno, Monica entra a tutti gli effetti a far parte dei rapinatori. Denver può stare tranquillo: sindrome o no, Monica ora è diventata Stoccolma.

Non solo, programmano già il loro futuro. Fuga, passaporti falsi, il bambino. È tutto scritto. Denver è contento, soddisfatto: qualcosa di brutto deve accadere. Puntualmente, accade. Riguarda il rapporto con suo padre, Mosca, che decide di raccontargli la verità su sua madre. Denver sapeva una storia, ma non è quella vera. La realtà racconta di un abbandono da parte di Mosca, dopo che la tossicodipendenza l’aveva portata a chiedere continuamente soldi. Il vecchio doveva badare a suo figlio, le decisioni li hanno portati via da determinate persone. Quindi? Molto pensieroso e molto arrabbiato, questa volta.

Non c’è tempo, tuttavia, per il rancore. Mosca viene colpito durante l’ingresso di Tokyo e ferito gravemente. Ora è pentito per gli insulti detti in precedenza, si sente in colpa. In risposta si precipita a scavare il tunnel per dare speranza alle cure padre. Non ce la farà, sfortunatamente, anche se le divergenze sono state appianate.A Denver è rimasta solo Monica, ora più vicina che mai a lui. Nella zecca però il tempo stringe, dall’esterno stanno per entrare con le maniere forti. Le previsioni del Professore e il sacrificio di Berlino aiutano la riuscita del piano, mandando a segno la rapina più grande di sempre. Denver e Monica hanno l’occasione unica di iniziare da capo, insieme e con un mucchio di soldi.

Potrebbero interessarti anche ...

Perché non lasci il tuo voto?

Lascia un commento