Sawyer, tutto ha una fine ( pt 6, SE 6)

Sawyer aka James Ford, Lost tv series

Lost – James Ford (6)


Non potevamo prevedere cosa sarebbe successo dopo la bomba innescata da Jack: Lost ci ha abituati a tutto. Infatti ci vengono presentate due realtà. Iniziamo da quella conseguente alle azioni del doc. Juliet è in fin di vita, ma non sembra cambiato nulla: Sawyer è furibondo, si è sacrificata per nulla? Miles tenta di rassicurarlo, riportando le sue ultime parole. “Ha funzionato”. James non riesce a darsi pace, scappa dal tempio dove stanno curando Sayid solo per essere trovato in lacrime da Kate. È davvero colpa sua? L’ha costretta a rimanere sull’isola, ora i fatti sono questi.

Senza più nulla da perdere si fa reclutare, nonostante Richard cerchi di dissuaderlo, dal “finto” Locke. Questo vuole lasciare l’isola, non prima di avergli illustrato come Jacob lo abbia manipolato per portarlo lì. È un potenziale successore, ma per cosa? Quel posto deve essere protetto, “da niente” secondo Locke. Sawyer non ne vuole sapere e si mette a disposizione.

Fremono i preparativi mentre viene mandato sull’Idra. Nella stazione scopre che una vecchia conoscenza è in arrivo: Charles Widmore. D’accordo, chi fa da sé fa per tre. Sawyer mette in atto un triplo gioco per salvarsi la pelle insieme a Kate. Tuttavia abbiamo imparato che i piani non servono a nulla, infatti finisce per farsi e far catturare i superstiti. Fortunatamente viene salvato da chi aveva abbandonato, ovvero Locke e l’ormai zombie Sayid, oltre a Jack.

E qui James pecca ancora di arroganza. Nel tentativo di disinnescare una bomba costringe l’iracheno a sacrificarsi, nonostante Jack fosse sicuro non sarebbero morti. Sopravvivono loro due, Kate e Hugo. Da ora Sawyer si mette in disparte, consapevole degli errori commessi. Osserva mentre Jacob nomina Jack come successore a Custode dell’isola, per poi andarsene quando essa viene salvata e Locke ucciso.

The end? Quasi, non abbiamo menzionato ancora l’altra realtà. Viene raccontata nei cosiddetti sideways, una realtà parallela (attenzione: non alternativa). James è un poliziotto di Los Angeles, lavora sull’omicidio dei suoi ed era sul volo 815, atterrato senza problemi. Nella vita “reale” ha comunque dato la caccia al truffatore di cui è ossessionato, finendo per diventarlo lui stesso. Qui lo fa dal lato corretto, quello della legge. In seguito catturerà Kate e Sayid, per essere alla fine richiamato da Desmond nella famosa chiesa. Ritroverà Juliet, finalmente, oltre a tutti i suoi compagni dell’isola.

Potrebbero interessarti anche ...

Perché non lasci il tuo voto?

Lascia un commento