Elliot, salvare il salvabile (pt 3, SE 3)

Elliot Alderson, Mr.Robot

Mr. Robot – Elliot Alderson (3)


Tranquilli, Elliot è sopravvissuto. Scontato, d’accordo, ma un po’ di preoccupazione c’era. Cosa fare? Deve fermare questa fantomatica Fase 2. Non può chiamare il 911, chiude la backdoor e subito viene preso in custodia da un certo Irving. Chi è costui? Elliot è vicino al tracollo mentale. Troppo caos. Angela ci aiuta: è in realtà Mr. Robot – all’insaputa di Elliot – a trainare la baracca.

Bene, dove iniziare? Dalla E-Corp. Come un cavallo di Troia. Elliot lo sa, Mr. Robot talvolta lo scalza, non sa però cosa stia facendo. Motivo per cui chiede a Darlene di controllarlo, perché la terapia non basta. La sorella infatti lo vede andarsene con Angela – da che parte sta lei? – in direzione “bunker di lavoro”. È presente Tyrell, vistosamente alterato dal fatto che Elliot boicotti il suo stesso piano. La discussione sfocia nel ritorno di Alderson da senior a junior. Troppe domande nella sua testa e per l’intero weekend successivo non c’è proprio.

Può essere successo di tutto – la Fase 2? La sua patch l’ha bloccata, fortunatamente. L’imminente licenziamento è il preludio al peggio. Il palazzo viene preso d’assalto e riceve la conferma da Darlene che Angela l’ha tradito. Il tempo stringe ma l’ostacolo più grande è se stesso. Mr. Robot non lo lascia tornare sui suoi passi, finché Elliot non lo convince. Proteggono l’edificio, scoprendo essere un diversivo: altri 71 sono stati presi di mira. Questo è troppo, è la fine. La disperazione lo porta sull’orlo del baratro, quando viene trascinato via da un ragazzino che di fatto lo salva. Una svolta, quello che serviva: si passa al contrattacco. Non potrà ridare la vita alle vittime, però cercherà di salvare il salvabile.

Una mail promette la chiave per annullare il 9/05, è necessario tuttavia infiltrarsi nell’FBI. Non possono rivolgersi direttamente a loro, poiché Mr. Robot conferma la presenza di una talpa – “Dark Army owns FBI”. Mentre ci pensa Darlene, lui andrà da White Rose. Non può contare su Angela, crollata sotto il peso delle sue stesse azioni. Fase 3. “Come scusa, Fase 3?” è quello che si chiedono tutti.

Darlene non risponde, Elliot fiuta il pericolo. Ha bisogno di Mr. Robot, sa che farà la cosa giusta perché c’è un po’ di sé in lui, e viceversa. Irving li scorta in un capanno, qui ritrova sua sorella, viva. La minaccia di controllare le informazioni della Dark Army non è pane per l’hacker: White Rose non si degna di esserci. Dunque? Dunque serve il jolly: se non puoi combattere il nemico, lo aiuti. Soprattutto se l’alternativa è una pallottola in gola.

Sopravvive, ottenendo anche la chiave di cifratura. Almeno ora ha la coscienza un attimo più a posto. Mr. Robot non è più una minaccia bensì una risorsa: è comunque parte della famiglia.

Potrebbero interessarti anche ...

Perché non lasci il tuo voto?

Lascia un commento