Alex Vause, chi la fa l’aspetti (pt 2, SE 2)

Condividi su:

Alex Vause, Orange Is The New BlackOrange Is The New Black – Alex Vause (2)


Ritroviamo Alex in un posto in cui non ce l’aspettavamo, agli inizi di questa stagione. Lei, insieme a Piper, è in un centro di detenzione metropolitano. Non siamo più a Litchfield, bensì a Chicago. C’è un alone di mistero intorno a lei, Piper non capisce più nulla. Più esperta, però. Vause cerca di contattare la Chapman attraverso un’altra detenuta. L’incontro è rivelatorio: Piper non ha ucciso Pennsatucky. Perché, allora, si trovano lì? Devono testimoniare al processo per il loro vecchio boss, Kubra Balik.

È in questo momento che Alex lancia la trappola. “Usare” in questo caso è il termine più appropriato. Sì, Alex usa Piper per scagionarsi. Entra nella mente della sua ex ragazza e la controlla a favore suo, dicendole di fingere di non conoscere Kubra. Lo stesso avrebbe fatto lei, a suo dire. Ovviamente, non è andata così. Alex ha fatto il suo gioco e, all’uscita dall’aula, ha cercato di scusarsi con Piper. Pensa davvero che crederà alle sue scuse?

Di Alex non sentiamo parlare per un po’, sappiamo solamente che è in libertà vigilata e sorvegliata da un certo David Crockett. Non è l’unico, però, a tenerla d’occhio. Sapete, ci sono anche gli scagnozzi del boss… Nel frattempo Piper è in isolamento e, una volta fuori, Alex le fa visita. Evinciamo che Kubra non è stato incarcerato e che le dichiarazioni in aula sono frutto di un malinteso tra le due – a chi credete?
Il piano di Vause sembra andato a buon fine, tutto è filato liscio come l’olio. Ora può tranquillamente lasciare la città e scappare da tutti questi problemi. Poi si vedrà. Alex Vause talking to Piper, Orange Is The New Black, OITNB stagione 2 (SE 2)

Ecco, non è andata proprio così. Il piano era quello, ma Piper doveva pur vendicarsi del tradimento subito; perché, infine, solo di tradimento si può parlare. Alex si è comportata male, avrebbe dovuto cercare un’altra esca, non proprio la sua ex ragazza. Fatto sta che Piper riesce a convincere Polly – non stiamo qui a raccontarvi i particolari – ad informare il “supervisore” di Alex del suo piano. Ma quali prove possono avere contro di lei? Diciamo che l’esperta spacciatrice questa volta si è legata le mani da sola. Certo, tutto potevi tenere, Alex, meno che una pistola

Prossima destinazione: Litchfield. Come sarà il rapporto con Piper, nella terza stagione? Le due saranno ancora legate, o ci sarà rottura?

Perché non lasci il tuo voto?
Condividi su:
Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *