Sheila Hammond, viva o morta? (pt 1, SE 1)

Condividi su:

Sheila Hammond - Santa Clarita DietSanta Clarita Diet – Sheila Hammond (1)


Potremmo pensare che Sheila Hammond sia una persona normale con una storia normale. Questo finché, durante la vendita di una casa insieme al marito Joel, vomita incessantemente – tra le “cose” un possibile organo. Da qui cambia tutto: Sheila assume un comportamento molto impulsivo e sembra guidata solamente dall’istinto. Ah, ci siamo dimenticati di dirvi che è anche diventata cannibale.

A chi puoi rivolgerti in questi casi? In ospedale non ti prenderebbero sul serio. La soluzione è il vicino di casa Eric. Egli è un nerd appassionato del paranormale e, improvvisatosi medico, visita Sheila. La diagnosi? È diventata una specie di zombie, né viva né morta. A lei, tuttavia, questa situazione non dispiace, paradossalmente si sente più viva che mai. Tanto da arrivare, in un momento di foga, a mangiarsi un collega.

La situazione inizia a degenerare, Joel non la vuole abbandonare e scopre una possibile cura: un libro serbo. Nel frattempo però Sheila deve mangiare, così cercano di trovare persone – possibilmente criminali – da uccidere e degustare. Ma le altre persone cosa ne pensano? Beh, semplice: loro non lo sanno. Tutti tranne il vicino Dan, che dopo aver scoperto Joel, lo ricatta chiedendo di uccidere uno spacciatore. Sheila Hammond

Lo spacciatore è Loki, che però viene solo morso e a sua volta diventa uno zombie. Questa grana viene risolta subito e con essa anche la pratica Dan. Tradotto: uccisi entrambi e trasformati in prelibato cibo. Sheila non è tanto convinta di voler tornare come prima, si sente troppo bene. Ma qualcosa che non va c’è: inizia a “perdere pezzi”, a degradarsi; un’altra gatta da pelare, oltre a non disunire la famiglia. Da questo punto di vista Sheila cerca di ritagliare del tempo con Abby, sua figlia. Lei si è sempre ritenuta messa in disparte, perciò la donna decide di fare la mamma, almeno per un pomeriggio.

Alla fine Sheila decide di farsi aiutare. Grazie a Joel, che rintraccia il libro, e con lui la dottoressa Wolf, iniziano le cure. La famiglia Hammond vede finalmente la fine del tunnel ma manca un ingrediente: la bile di un discendente serbo. Sheila e Joel si mettono al lavoro, ma lui finisce in manette. Lei è così costretta a farsi incatenare per non creare danni ai suoi cari. Siamo al capolinea o esiste davvero una cura per tornare dai non morti?

Perché non lasci il tuo voto?
Condividi su:
Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *