Nick, cadere sempre in piedi (pt 1, SE 1)

Condividi su:

StartUp – Nick Talman (1)


La situazione in cui troviamo Nick Talman è il classico stereotipo di Miami. Fidanzato con una bella ragazza, suocero colmo di soldi – che gli regala una casa! – e problemi con il padre. Tra Nick e il suo vecchio non corre buon sangue, e le cose peggiorano quando Talman senior gli chiede di “lavare” 2,2 milioni di dollari. Nick è sempre scappato da questo tipo di vita, perché sporcarsi proprio ora?

La risposta è GenCoin. Il progetto è presentato da Izzy che, cercando finanziamenti, arriva fino a dove lavora Nick. Alla società non piace l’idea, che invece strega il ragazzo. Una valuta slegata da tutto che può cambiare il mondo, in linea con gli ideali di Nick. Sono necessari parecchi milioni, ma da qualche parte si deve pur cominciare: perché non da quelli di suo padre? Prende i soldi e li consegna ad Izzy. Sono in gioco.

I problemi non tardano però ad arrivare, a quanto pare quei soldi erano di altre persone. Phil Rask dell’FBI lo aspetta in ufficio e a casa si trova Ronald, direttamente dalla malavita haitiana. Quest’ultimo tuttavia si rivela una risorsa, in quanto riescono a convincerlo sul progetto GenCoin. Il ritorno del vecchio Talman costringe i ragazzi a riconsegnare il denaro, tranne la parte di Ronald. Nick è quindi tagliato fuori, non serve più a nulla. Disperazione? No, si mette in gioco per convincere il ricco Benedict Blush ad investire. Ci riesce, rimpolpando le casse.

Tocca a Ronald, come soggetto pericoloso deve starsene fuori. Ma anche lui non ci sta e quando vengono hackerati da Daewon – per conto di Rask – si presenta da Nick per “parlare”. Non hanno più uno spicciolo e lo vengono a sapere anche la sua – ormai ex – ragazza e il suocero. Faranno finta di nulla per il momento, però Blush ha bisogno di garanzie. Ronald propone la tattica Fake it until you make it, che funziona solo a metà.

Servono altri investitori. Izzy recluta Alex Bell, entusiasta fin troppo. Qualcosa puzza, secondo Ronald. Un’altra visita di Rask è solo il preludio al peggio: Nick e Ronald sono tagliati fuori dalla società. I due legano, mal comune mezzo gaudio si dice. La fregatura è palese quando persino Izzy viene cacciata, dal suo stesso progetto. Anche qui Nick opta per la condivisione del dolore, solo che invece di una cena finiscono a letto insieme.

In una sorta di lucidità riacquisita, utilizzano un audio incriminatorio per ricattare Rask che a sua volta deve ricattare Bell. Non fanno però i conti con chi sta alle spalle dell’attuale boss di GenCoin: i russi. Un proiettile con il nome di Izzy manda invece all’altro mondo sua sorella: riusciranno i tre a mantenere il sangue freddo?

Perché non lasci il tuo voto?
Condividi su:
Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *