Q, ripulire casa dagli insetti (pt 1, SE 1)

Quentin Q Dickinson, The Chi

The Chi – Quentin Dickinson (1)


Il Southside di Chicago non è l’area più tranquilla che esista, ma finché non ci si immischia con gente come Quentin, Q, è vivibile. Chi è, allora, questo tizio? Beh, la sua fama lo precede, tant’è che il suo ritorno nel quartiere fa notizia. Il vecchio è un tipo assai rispettato e con molta grana, così tanta da potersi permettere di darne ai bisognosi. Incrocia così la strada di Emmet, che lavora da suo fratello Sonny.

Cosa lo porta qui? Nel quartiere – casa sua – è morto un giocatore di basket, tale Jason, e Q è molto interessato ai responsabili, ancora ignoti. Danneggia gli affari, dice, ma il vero motivo si scoprirà più avanti. Quentin era il padrino di sua madre, ma anche il padre di suo figlio. Sostanzialmente una figura paterna che ha abusato della figlia, costringendola anche a tenere Jason. Gli basta poco per capire i papabili colpevoli. Tra questi Trice, il boss di quartiere, a parer nostro schiacciato come fosse un insetto.

È l’ora di tornare in scena: Sonny lo aiuta a ricostituire la vecchia gang tutt’altro che priva di personalità. Ma vogliono veramente confrontarsi con le nuove leve? Certo, il modus operandi old school funziona: prima si pensa, poi si agisce. Lo dimostra il face-to-face con Reg, sottoposto di Trice, alla festa di quartiere. Lui potrebbe tornargli utile. Q è cambiato: nuovi obiettivi, nuovi orizzonti, nuove strategie. Deve ripulire il quartiere.
In cerca di qualche buon ragazzo da portare sulla retta via, incontra più volte Emmet, che poi gli dà una mano. D’altronde era in debito.

Quentin Q Dickinson, The Chi season 1

Il problema, che poi è quello degli abitanti del posto, è dare fastidio alle persone sbagliate. Trice deve ancora imparare molto, in primis il rispetto. L’ultimo incontro ha fatto sì che Reg sparasse a suo fratello e mettesse Q spalle al muro al ristorante. Bel problema. Sonny risolve ma lo caccia dal ristorante. Quentin è amareggiato, ma non può biasimarlo.

Per arrivare a Trice, Q passa per Reg, affondando sui suoi punti deboli per arruolarlo. Non scherza, l’abbiamo capito. È proprio grazie al ragazzo che riesce a scoprire tutta la verità su Jason: Trice gli ha sparato, ma a finirlo è stato il poliziotto. Entrambi pagheranno. Q se n’era andato per evitare che le sue cazzate si ritorcessero su suo figlio, ma non ce l’ha fatta.

E anche sua madre Tracy deve sapere che Jason si trovava solo nel posto sbagliato al momento sbagliato. Giustizia è stata fatta.
Un ultimo input: e se Q prendesse Emmet sotto la sua ala protettiva per comportarsi con lui come avrebbe dovuto fare con Jason, suo figlio?

Potrebbero interessarti anche ...

Perché non lasci il tuo voto?

Lascia un commento