Zeke Figuero, genio sprecato (pt 1, SE 1)

Condividi su:

zeke figueroThe Get Down – Ezekiel Figuero (1)


Anno 1977, Bronx. La vita qui non è facile, soprattutto se sei un ragazzo orfano. Però Ezekiel, Zeke per gli amici, ha qualcosa che gli altri non hanno. Lui è un poeta, un artista, uno con la testa sulle spalle. La testa però gliela fa perdere Mylene, amica d’infanzia di cui è innamorato. Lei sogna di andarsene, un giorno, e non vuole ostacoli. Ma Zeke non sente ragioni, ruba un vinile della sua canzone preferita per farla sentire nel locale dove sarà quella sera. Un bravo ragazzo che ruba? Stiamo parlando di amore e Bronx, tutto normale.

Il piano riesce, Mylene è palesemente cotta ma l’ambizione è grande. Zeke riceve l’ennesima batosta e in più sorge un altro problema, almeno così pare. Il vinile era ricercato anche da Shaolin Fantastic che, aggregatosi al gruppo di Zeke, porta tutti in un club. Lì suona il leggendario Grandmaster Flash che, grazie al disco recuperato, acconsente a svelare i suoi segreti.

Zeke è un talento con le parole, ben presto Shao lo diventa ai piatti. La coppia è rovente, ma il ragazzo è preda dei dubbi. Il mondo della musica o il college? Inoltre Mylene non vede di buon occhio Shao. Altro grattacapo per Zeke: l’amore o il successo? Troppe incognite. Nel frattempo la casa del neo dj va in fiamme, servono nuove attrezzature. Servono soldi. Organizzano una festa ma suonano una cassetta del Flash contrabbandata, perdendo la sua fiducia. zeke with mylene

Dall’altra parte viene spinto verso un tirocinio che gli garantirebbe un posto tra i piani alti. La cosa piace a Mylene, finalmente potrebbe conciliare due delle sue più grandi aspirazioni. Ma è sempre un bivio. Zeke tenta l’impossibile: fare entrambe le cose. Parallelamente, aiuta Shao a trovare il contrabbandiere e lavora da ragazzo immagine del ghetto per i politici.

Come se non bastasse incalza una sfida con i Notorious Three, i maggiori dj del posto. Al gruppo di Zeke, i “The Get Down brothers”, serve l’arma in più, cioè le rime da fenomeno del ragazzo. Non c’era già abbastanza da fare? Come può accontentare tutti? L’abbiamo detto all’inizio: è un genio, quindi può. Contemporaneamente, Mylene sfonda con un singolo e Shao ne approfitta per utilizzarlo come altro colpo in canna. Ovviamente la vittoria è schiacciante.

Ora è la resa dei conti, quella vera: Mylene e Zeke possono diventare qualcuno dall’altra parte, a Manhattan. Riusciranno a resistere al richiamo del Bronx?

Piaciuto questo articolo?
Condividi su:
Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *