Hap, disposto a tutto (pt 1, SE 1)

Condividi su:

dr. hap, The OAThe OA – Hunter Aloysius Percy (1)


Un personaggio strano, controverso, un uomo dalle mille risorse dedicate ad un unico scopo. In The OA stiamo ovviamente parlando del dottor Hap, interamente Hunter Aloysius Percy, uno scienziato che ha concentrato la propria vita sulla scoperta delle esperienze pre-morte.

Ossessionato da queste NDE (Near-Death Experience), il professore sa che certi individui sviluppano delle doti e, grazie a questo, le individua più facilmente. Cosa può sembrare più strano, per loro, di una persona che ti capisce?

Una volta stabilito un contatto, offerto una cena, stretto un po’ di conoscenza – insomma, buttato l’amo – ecco che le prede abboccano. Hap le porta a casa e le fa sentire a proprio agio, importanti. Una volta che una persona sente di poter far parte del grande progetto raccontato, ecco che scatta la trappola. Nello scantinato, in celle minuscole e trasparenti, le cavie sono portate allo stremo e dimenticano gli esperimenti subiti a causa del gas cui vengono sottoposte.

Ogni tanto, poi, ecco che uno deve morire. Come lui sa bene, la morte porta questi individui ad una condizione “angelica” temporanea. Il dottore non è come loro, ma vuole diventarlo: deve scoprire come aprire il passaggio segreto tra le varie dimensioni. E tutto inizia grazie ad uno dei rinchiusi, il quale rivela che Prairie (la sua preferita?) ha riacquisito la vista.

Ma l’abilità non sta solo nel tradire la fiducia di queste persone, bensì anche nel tenere tutto nascosto. Il suo amico sceriffo gli recapita la posta, il suo vecchio collega cerca di andare più a fondo di quanto dovrebbe. Hap ne ha per tutti, nessuno deve intralciarlo.
Nemmeno le cavie. Il doc scopre che i suoi ragazzi stanno imparando dei movimenti. Tutto si fa più strano. Cosa sta succedendo?

Il caso vuole che lo sceriffo avesse una moglie malata e che questa rivelasse il quinto movimento. Ora che Hap ne è a conoscenza, non ha più bisogno di Prairie, e così la abbandona lungo una strada.

La storia la conosciamo, ma abbiamo una teoria.
Vi ricordate i libri trovati in casa della ragazza? Potrebbe averli messi l’agente dell’FBI incrociato in casa sua. Fin qui nulla di strano. Il dubbio è un altro: se Hap avesse tenuto d’occhio Prairie per tutto questo tempo? E addirittura, se le sue ricerche fossero finanziate dall’FBI? Noi lo riteniamo possibile, in quanto ci sembra tutt’altro che casuale il fatto che vengano ritrovati quei libri in casa della ragazza poco prima dell’esecuzione dei 5 movimenti.

E voi? Qual è la vostra teoria?

Piaciuto questo articolo?

Potrebbero interessarti anche ...

Condividi su:
Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *