Merle, vivo o morto? (pt 1, SE 1)

Condividi su:

merle dixon, the walking deadThe Walking Dead – Merle Dixon (1)


Merle Dixon è il classico gradasso con cui non vorresti avere a che fare. Fratello maggiore di Daryl, è un tipo protettivo e, al contempo, abbastanza egoista. Si può dire infatti che tenga al solo fratello, mentre cerca di stare in gruppo per sopravvivere all’apocalisse. Merle non si interessa di nulla ed è un attaccabrighe, in quanto è consapevole di essere forte.

Con gli zombie si sa, si deve fare meno rumore possibile, eppure l’uomo non placa la voglia di scatenarsi. Tale è scarso il senso di appartenenza ad un gruppo, che si disinteressa completamente delle prediche di T-Dog, con il quale finisce per fare a botte. Che senso ha sparare agli zombie dal tetto di un magazzino? Punto primo: li attiri. Punto secondo: stai sprecando munizioni. Andiamo, Merle è una di quelle persone che probabilmente vivrebbe meglio da sola che in gruppo, in questi casi. Ma se è ancora lì è perché ha scelto di starci. Forse per Daryl, forse per altro. Forse per, come dice lui stesso, un “guadagno reciproco”. Comunque non è uno di quei cattivi per eccellenza: steso T-Dog (e tutti gli altri), decide di risparmiarlo.

Sarebbe andato tutto bene se avesse tenuto i piedi per terra. Quanto può servire una persona forte come lui ad un gruppo? Beh, sicuramente molto più di altre. Invece ha deciso di autoproclamarsi leader. Fortunatamente in città c’era lo sceriffo, e così Merle finisce ammanettato ad un palo. Lui ci prova, vuole farsi liberare, ma nulla. T-Dog però è buono e vuole liberarlo prima di lasciare la città. Merle libero? Non scherziamo, non se lo merita. merle vs rick

Come fosse in una gabbia, Merle finisce per impazzire e parlare da solo. I suoi discorsi sono sempre di tono molto spiacevole e provocatorio, ricorda vecchi momenti; quasi un déjà vu con i mesi in gattabuia. Quando si rende conto della situazione, è nel panico più totale. In preda ad una riscoperta religiosità, chiede aiuto al fato, fino a quando vede gli zombie sempre più vicini. Prova a resistere, ma gli restano una mano, una cintura, e armi e cianfrusaglie troppo distanti per essere raggiunte.

Non sappiamo cosa ne sia stato di Merle. Sappiamo solo che, se morto, non ha lasciato le penne su quel tetto. Lì è rimasta solo la sua mano, quella ammanettata al tubo e sacrificata per – forse – sopravvivere. Secondo voi, che fine avrà fatto?

Perché non lasci il tuo voto?

Potrebbero interessarti anche ...

Condividi su:
Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *