Laurens Bancroft, dio quasi immortale (stagione 1)

Laurens Bancroft, Altered Carbon stagione, season
  • Save

Altered Carbon – Laurens Bancroft (stagione 1)

Laurens Bancroft, un facoltoso e potente aristocratico dall’età di oltre 360 anni, è il leader dei Mat. Ma chi sono questi “Mat”? Altered Carbon ci ha immersi in un mondo futuristico dove le persone ricche e potenti sono le uniche a potersi permettere la vita eterna. Da Matusalemme, per la longevità delle loro vite, deriva la parola “Mat”. Costoro infatti sono gli unici a potersi permettere infinite custodie e backup delle I.D.U., il che li rende virtualmente immortali, quasi degli Dei, con un seguito di “credenti”.

Qual è allora il ruolo di Bancroft?

Dopo 250 anni dalla morte, Takeshi Kovacs si ritrova in una nuova custodia per volere di Bancroft. Il leader dei Mat si è apparentemente suicidato, perdendo tutti i ricordi dall’ultimo backup, 48 ore antecedenti la morte. È convinto di non essersi suicidato, e ingaggia lo Spedi per indagare su quello che ritiene un omicidio. Quindi è Bancroft a dare il via alle danze.

Laurens Bancroft, marito di Miriam e padre di ben 21 figli, è un nativo della Terra. La serie è ambientata nel 2384, quindi facendo due conti realizziamo che è nato nel 2019. È venerato come un dio, ma non è altro che un uomo come noi. Molto interessante come, in 350 anni, tra i benefit che il denaro può comprare, sia stata inserita anche l’immortalità.

Gli dei sono morti, noi abbiamo preso il loro posto.

– Laurens Bancroft

Queste sono le parole di uno che si crede veramente un dio; si rifaceva al mito greco di Zeus. Avrebbe potuto usufruire di custodie giovani ma era consapevole che un corpo più vecchio gli avrebbe garantito maggiore rispetto e potere.

Laurens Bancroft, Takeshi Kovacs, Altered Carbon season 1, stagione 1
  • Save

Tornando all’indagine, emergono alcuni particolari che descrivono Bancroft come una persona senza morale, per nulla filantropo, dedito a tutti quei piaceri che il denaro può comprare. Vediamo il Mat fare visita ai bisognosi e ai malati, ma anche questo sembra far parte di un suo alibi contro le accuse dei suoi nemici. Con il proseguire della vicenda, la figura di Bancroft appare sempre più misteriosa e negativa; in molti insinuano che abbia inscenato lui stesso il suo omicidio-suicidio.

Alla fine, i fili dell’inquietante caso vengono districati. Laurens Bancroft non ha fatto nulla di sbagliato. Ha fatto la stessa fine che, come ci insegna la storia, hanno fatto molti uomini.

È stato tradito dalle persone che gli stavano accanto, è stato tradito dai suoi stessi familiari.
È proprio con questo tragico ribaltamento dei fatti che proviamo quasi pietà per il Mat.
Il paradiso terrestre in cui viveva era finito, è questo forse il prezzo da pagare per essere un dio?

Fil ci è cascato di nuovo – e ha scritto questo articolo.

Vota questo articolo!

Lascia un commento