Jonas, bloccato nel loop (stagione 2)

Jonas Kahnwald, Dark (Netflix) season 1
  • Save

Dark – Jonas Kahnwald (stagione 2)

Cercheremo di essere il più chiari possibile, ma converrete con noi che in Dark nulla è chiaro. Soprattutto se ci mettiamo dentro altre epoche nei viaggi, come quella in cui Jonas si trova alla fine della prima stagione. L’anno è il 2052, uno scenario post-apocalittico e un gruppo di soldati la cui leader sta per impiccare il povero ragazzo. Jonas era stato condannato per essere entrato in una zona proibita e dopo essere salvato, ci ritorna. Lì è presente la “particella di Dio”, per viaggiare nel tempo. Il ragazzo vuole tornare a casa, come biasimarlo?

A casa non ci tornerà, andando a finire nel 1921. Sempre più confuso, incontra un anziano deformato, Adam, che si rivela essere nient’altro che Jonas del futuro. Sì, un altro Jonas oltre all’old Jonas. Lui è il fondatore del Sic Mundus, i viaggiatori che vogliono interrompere il loop temporale in cui sono incastrati. Adam ha bisogno del sacrificio del giovane Kahnwald, per tornare nel 2019 e impedire a Michael di suicidarsi. Perché un sacrificio? Evitando il suicidio di Michael, Mikkel non tornerà indietro e Jonas non nascerà. Nonostante questo, accetta.

  • Save

Qui accade il casino. Michael non aveva intenzione di suicidarsi, ma raccontando a suo figlio che lui stesso lo aveva aiutato a trovare le grotte – quando era Mikkel – capisce che così deve essere. Sostanzialmente, Adam ha fregato Jonas. Ricordate le parole dell’old? Non può modificare il passato. Ogni cosa è così come deve essere. Una cosa positiva, però, quella giornata è successa: Jonas ha dato una mano al se stesso del 2019 con Martha, sia al lago che alla festa.

All’incontro con il padre, Jonas trova anche una vecchia Claudia. Sarà lei, antagonista di Adam, a spiegare al ragazzo che per cambiare il corso degli eventi è necessario che essi stessi accadano. Lui è la chiave di tutto. Inoltre, lei ha visto un futuro senza Jonas: non è minimamente come se lo aspetta. Sta mentendo anche Claudia? Chi è il bene e chi è il male? Mettetevi nei panni di Kahnwald, è già tanto che non sia impazzito. Ma confidiamo che accadrà presto.

Jonas viaggia con Claudia nel 1987. Qui viene addestrato per un anno al fine di convincere Claudia stessa – più giovane – ad andare nel 2020 con la macchina del tempo. Lui si fida, lei lo ascolterà e salverà qualche vita nel bunker.

In quel bunker ci sarebbe dovuta essere anche Martha, ma il giovane la ritrova a casa sua. È passato tanto tempo, i due si baciano, ma Adam stronca la vita della povera ragazza, sotto gli occhi atterriti di Jonas. A parole sue, è quell’evento che lo segnerà e lo farà diventare “Adam”. Fermi tutti, non abbiamo finito. Arriva una Martha del futuro, con l’ennesima macchina del tempo. Solo qualche secondo prima dell’Apocalisse, giusto per il gran finale:

Non da quale epoca, ma da quale mondo

– Martha del futuro a Jonas
Vota questo articolo!

Lascia un commento