Hanna, un gioco che vale la candela? (stagione 1)

Hanna, Amazon Prime Video
  • Save

Hanna – Hanna (stagione 1)


E se fossimo nati fuori dal mondo che conosciamo, distanti da ogni interazione sociale e tecnologica? Se tutto ciò che esiste per il nostro intelletto fosse ridotto a una foresta? Chiedete ad Hanna com’è, il vivere in una foresta. La sua esistenza è circoscritta lì da quando ne ha memoria, con suo padre, Erik Heller. È nata in un contesto turbolento: 15 anni fa, sua madre, prima di morire, l’ha partorita in un centro dove l’avrebbero addestrata come vera e propria arma umana. Per questo, suo padre l’ha portata via e addestrata a vivere, sopravvivere e combattere. Quasi come fosse in quel centro, ma libera da vincoli e doveri. Adesso, Hanna vuole libertà. D’ah, l’adolescenza.

Sgarra, esce dal perimetro che Erik le aveva imposto, dove ha il suo primo contatto umano. Hanna vuole scoprire se stessa, ma per farlo deve scoprire il mondo. Per quanto le ha detto suo padre, gli umani sono cattivi. Soprattutto Marissa Wiegler, ex capo del progetto Utrax cui la ragazza avrebbe dovuto fare parte.

Marissa la fa catturare ma Hanna recita bene la parte della ragazzina indifesa e, con qualche uccisione al seguito, evade. Si ritrova nel mezzo del nulla e nella fuga incrocia Sophie, che è il disagio in persona. Insopportabile per tutti, tranne per Hanna, sostanzialmente perché non ha amiche. Recita la storia che Erik le ha insegnato – vive ad Amsterdam, etc. – e il confronto regge. Un’amica ce l’ha ora e anche un contatto. Non può fermarsi a lungo con loro, deve andare a Berlino.

Hanna, Erik Heller, Amazon Prime Video Hanna season 1
  • Save

Ritrova Erik con i suoi vecchi compagni dell’esercito. Si sente messa da parte, protetta. Da cosa? È davvero così pericolosa la Wiegler? Ricordiamolo: Hanna è un soldato migliore di chiunque altro. Spinta dall’emarginazione trasgredisce ancora, rendendosi conto man mano di molti scheletri nell’armadio di suo padre.

Hanna non ce la fa e si rifugia da Sophie. Non può raccontarle nulla, anche se vorrebbe, però la vita “normale” la distrae. Persone, amici, ragazzi… per lei è tutto nuovo. Marissa la porta via fingendosi sua madre, Hanna ha le idee confuse ma sa che deve salvaguardare Sophie.

Se la caverà, quando Hanna arriva di nuovo a colui che considera suo padre. Arriva il suo momento, coinvolta nell’attacco alla vecchia struttura della Utrax. Il progetto è riaperto e con nuove leve. Ne salveranno solo una, l’allieva 249, con l’aiuto di Marissa. In cambio, la vita di Erik.

Ne è valsa la pena? Sta a loro due deciderlo. Hanna porta la nuova sorella nell’unico posto che conosce, dove la sua vita era iniziata: la foresta.

Vota questo articolo!

Lascia un commento