Serena Joy, da un estremo all’altro (stagione 1)

  • Save

The Handmaid’s Tale – Serena Joy (stagione 1)


Serena fa parte di una società teocratica stabilitasi al posto degli USA – attraverso un colpo di Stato – e ricopre il ruolo di moglie. Cosa significa? Sostanzialmente siamo nel medioevo con automobili e fucili. Suo marito, il Comandante Fred Waterford ha il compito di ingravidare l’ancella di turno, in questo caso June. Il tutto si basa su un passo della Bibbia, infatti a primo impatto Serena pare molto devota alla causa.

Da dove comincia tutto ciò? Nel corso dei flashback riusciamo a leggere la linea temporale che ha portato alla situazione attuale. Serena ha aiutato Fred, insieme ad altre persone, ad instaurare questa società per “ripulirla” dal peccato. Il suo impegno è stato costante ed estremamente importante, tuttavia le si è rivolto contro. Essendo una società prettamente basata sulle figure maschili, Serena a sua volta si è trovata esclusa. Nonostante questo, è sempre in prima linea.

  • Save

Nel corso degli episodi emerge prepotentemente la voglia di Serena di avere un figlio “suo”, esternata in cambi d’umore repentini; quando June pare essere incinta è indulgente. Diventa una furia poi quando la gravidanza si rivela un falso allarme. Si afferma la possibilità che Fred sia sterile, di conseguenza la carta di Serena è sfruttare il tuttofare Nick. Il piano funziona e non perde tempo a rinfacciarlo a Fred.

Come mai? Il rapporto tra i due è un saliscendi. Serena è costantemente nel mezzo. Serba del rancore per gli eventi passati e lo dimostra subendo le frecciate della delegata messicana. Però ha anche disperatamente bisogno di un pargolo per sentirsi realizzata. 

La goccia che fa traboccare il vaso arriva presto. Scopre che Fred scappa con June nel cuore della notte e la gravidanza non le salverà il culo. Costringe il marito a prometterle di mandarla via non appena nascerà il bambino. Poi, si dedica alla stessa June. La ragazza ha una figlia, da cui è stata separata: l’arma da ricatto perfetta.

È vero, abbiamo visto molte volte Serena incazzata in questa stagione. Però adesso ha qualcosa di diverso, è compiaciuta. Far vedere ma non incontrare a June sua figlia è meschino e lei si giustifica così:

Finché il mio bambino sarà al sicuro, lo sarà anche la tua.
– Serena rivolta ad una disperata June

Serena non sarà ai vertici nella scala gerarchica del Paese, ma dimostra che almeno in casa sua lei può dire la propria ed imporsi. Al netto degli ideali che porta avanti, l’attaccamento alla causa la sprona al raggiungimento degli obiettivi. Anche se ciò comporta a grandi sacrifici. Quanto riuscirà a reggere? Quanto filo da torcere le darà June?

Vota questo articolo!

Lascia un commento